La formula del successo secondo il modello Y-life

Abbiamo ideato una formula per motivare gli atleti. Scoprila in questo articolo.

A noi una Y non basta.

Per cucire con Y-life© il Tuo “vestito” su di Te, abbiamo bisogno di altre tre Y.

Una per ciò che sei.

Una per ciò che desideri.

Ed una per come vorresti ottenerlo.

Tre Y per un’equazione perfetta.

L’unica al mondo con tre segni di uguale.

Y= B3 = R3 = K3

Cosa centrano le B, le R e le K mi dirai. Un passo alla volta.

Tutto inizia con quello che noi chiamiamo lo “switch on quality”.

La restituzione dei principi della qualità e del management dalle aziende alle persone.

L’inizio di tutto, ma andiamo per gradi.

La norma UNI EN ISO 9000:2015 definisce la qualità:
come il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche di un oggetto soddisfa i requisiti, intendendo come requisito un’esigenza o un’aspettativa che può essere espressa, generalmente implicita o cogente.

Dai principi della qualità è nato il modello.

La sua evoluzione ha portato a Y-life© Ecco perché YOU.

Su questo humus abbiamo costruito due pilastri, due “Basement”.

Il primo si occupa del presente. Della situazione attuale. Della sostenibilità dell’oggi.

Questa zona è quella presidiata dall’area del Counseling.

Il secondo si occupa del futuro. Degli obiettivi da raggiungere. Dei sogni e dei desideri da realizzare.

Questa zona è quella presidiata dall’area del Coaching. Questi due pilastri rappresentano due luoghi imprescindibili:

  • Il primo luogo è dove Tu sei, quello che Tu sei, le Tue risorse, i Tuoi talenti, le Tue potenzialità.
  • Il secondo luogo è dove Tu vuoi andare, dove ci sono i Tuoi sogni, i Tuoi obiettivi.

Ecco le prime due Y che Ti servono:

  • La Y1 è ciò che Tu sei e che nessuno ti può togliere.
  • La Y3 è ciò che Tu desideri e ciò che Tu ottieni e nessuno può sindacarlo.

Cosa c’è nel mezzo di questi due pilastri?

Quella che noi chiamiamo “la strada”, the Route.

Ma Route inizia con la R non con la B.

Brava/o! Vedo che sei attenta/o.

Per arrivare da dove sei a dove vorresti essere c’è sempre una strada, the Route, ma Y-life© ti permette di costruirci sopra un ponte.

The Bridge. Ecco la terza B.

 ok, ma adesso manca la terza Y.

Quella che manca è la Y2, ovverosia ciò che Tu fai, le tue azioni, la strada che decidi di percorrere.

Sulla Tua strada ci sono le azioni da intraprendere, quello che compi, quello che impari, che scopri e riscopri.

Questa zona è quella presidiata dalle aree della qualità e delle relazioni, e da tutto ciò che può essere utile a Te.

Una zona in cui si fondono due aree ed i loro strumenti, per essere al servizio delle Tue azioni.

Ma di questa fusione parleremo dopo.

Sarà la parte finale della formula (perfetta) e riguarderà come nascono le tre K.

Ricapitoliamo.

Abbiamo due Basement ed un Bridge.

Dove sei, dove vuoi arrivare e come questo metodo Ti ci porterà. La prima uguaglianza è presto dimostrata.

Y= B3

La Y1 è ciò che Tu sei e corrisponde al primo Basement.

La Y3 è dove Tu desideri andare e corrisponde al secondo Basement. La Y2 sono le Tue azioni e corrisponde al Bridge.

E la strada, “the Route” che fine ha fatto?

Hai ragione.

Ciò che una persona è, ciò che desidera ed il percorso che farà per realizzare i suoi desideri è strettamente individuale.

Ognuno di noi è unico. Tu sei unica/o.

Come sono uniche le tre Y. Come sono uniche le tre B. Come sono uniche le tre R.

Le R e le B sono la stessa cosa, ed infatti sono collegate da un segno di uguale. Hanno solo un punto di vista diverso.

Il primo Basement -la Y1- rappresenta “Your Resource”. Il secondo Basement – la Y3 – rappresenta “Your Result”. The Bridge, il ponte – la Y2 – rappresenta “Your Route”.

Y= B3 = R3

La formula inizia da Te, e continua su misura per Te. In ogni accezione delle Y ci sei sempre Tu.

You.

Ogni volta per tre volte.

Ogni volta al cubo.

Ogni volta Te. Ogni volta You.

You You You

Y1 è ciò che sei.

Y2 ciò che fai.

Y3 ciò che ottieni.

Leggi il prossimo articolo.

Lascia un commento