Gregorio Paltrinieri – una bracciata alla volta

Ho gli incubi. Ce li ho da quando so di aver vinto tutto.
Arrivano all’improvviso.
Mi sveglio di soprassalto convinto di non aver ancora conquistato l’oro alle Olimpiadi di Rio.
Peggio.
Di non potercela fare e di deludere tutti coloro che per troppi mesi l’avevano dato per scontato. Mi succede perché vincere quella medaglia era diventata per gli altri una semplice formalità e per me una questione di vita o di morte.